Vision 3.0

Il mon­do dell'e­di­to­ria, con l'av­ven­to di nuo­vi ca­na­li di co­mu­ni­ca­zio­ne, è mol­to cam­bia­to.


La quo­ti­dia­na bat­ta­glia tra e­di­to­ri e te­sta­te non si svol­ge più una vol­ta al gior­no o una vol­ta al­la set­ti­ma­na o al me­se, ma o­gni mi­nu­to.


É una guer­ra crea­ta per cat­tu­ra­re l'at­ten­zio­ne dei let­to­ri e la lo­ro fi­du­cia. Gli av­ver­sa­ri non so­no so­lo gli al­tri gior­na­li, ma tut­to ciò che sta den­tro uno smart­pho­ne, l'in­fi­ni­to mon­do del­la re­te e del­le ap­pli­ca­zio­ni: gio­chi, vi­deo, fo­to, mes­sag­gi di a­mi­ci e pa­ren­ti, in­for­ma­zio­ni di ser­vi­zio, pet­te­go­lez­zi, cu­rio­sità, pre­vi­sio­ni del tem­po e no­ti­zie.


Og­gi su In­ter­net a un so­lo click di di­stan­za da un no­stro ar­ti­co­lo c'è il mon­do in­te­ro, una ri­vo­lu­zio­ne ri­spet­to ai tem­pi in cui tut­to av­ve­ni­va nel re­cin­to del quo­ti­dia­no di car­ta do­ve tut­to era con­te­nu­to.


In que­sto pa­no­ra­ma l'e­di­to­ria tra­di­zio­na­le, ha per­so e ca­pa­cità di con­qui­sta­re il cuo­re, la men­te e so­prat­tut­to gli oc­chi dei let­to­ri.


Bi­so­gna quin­di a­ve­re il co­rag­gio di cam­bia­re com­ple­ta­men­te ap­proc­cio così da es­se­re ca­pa­ci di rea­liz­za­re pro­get­ti che sfrut­ti­no al me­glio le po­ten­zia­lità del di­gi­ta­le, che ren­da­no il gior­na­li­smo più com­pe­ti­ti­vo, bel­lo e frui­bi­le e che cer­chi­no al tem­po stes­so di ren­de­re il gior­na­li­smo so­ste­ni­bi­le dal pun­to di vi­sta e­co­no­mi­co. 


Que­sto ap­proc­cio ci ha per­mes­so di da­re ri­spo­ste a­de­gua­te e com­pe­ti­ti­ve ai let­to­ri, an­che ai più gio­va­ni, e col­ma­re il gap che c'è tra e­di­to­ria tra­di­zio­na­le e re­te.


É un pro­dot­to nuo­vo, una so­lu­zio­ne in­no­va­ti­va per la pub­bli­cità, i vi­deo e le ap­pli­ca­zio­ni che in­te­ra­gi­sco­no, in un u­ni­co net­work, car­ta stam­pa­ta, web ma­ga­zi­ne, ap­pli­ca­zio­ni, vi­deo, TV, ca­na­li te­ma­ti­ci e geo­mar­ke­ting.


Un'op­por­tu­nità per tut­to il si­ste­ma per­ché ciò che è sta­to rea­liz­za­to è a di­spo­si­zio­ne di chiun­que vo­glia spe­ri­men­ta­re nuo­ve stra­de nel mon­do del­la co­mu­ni­ca­zio­ne e dell'in­for­ma­zio­ne

Vision 3.0

Per il video di lancio di Vision 3.0 è stato scelto il modello di fama internazionale Stephen James che - oltre a essere l'uomo immagine della copertina del primo numero - è stato anche il protagonista del teaser.

ABOUT VISION 3.0

Vi­sion 3.0 non è (so­lo) un ma­ga­zi­ne, non è (so­lo) una fi­ne­stra sul mon­do del­la mo­da, dell'ar­te, del li­fe­sty­le e del lu­xu­ry, è un ve­ro e pro­prio "si­mu­la­cro" del bel­lo.


Vision 3.0 è un magazine cartaceo presente nelle migliori edicole italiane e internazionali.

Vision 3.0

Il mon­do dell'e­di­to­ria, con l'av­ven­to di nuo­vi ca­na­li di co­mu­ni­ca­zio­ne, è mol­to cam­bia­to.


La quo­ti­dia­na bat­ta­glia tra e­di­to­ri e te­sta­te non si svol­ge più una vol­ta al gior­no o una vol­ta al­la set­ti­ma­na o al me­se, ma o­gni mi­nu­to.


É una guer­ra crea­ta per cat­tu­ra­re l'at­ten­zio­ne dei let­to­ri e la lo­ro fi­du­cia. Gli av­ver­sa­ri non so­no so­lo gli al­tri gior­na­li, ma tut­to ciò che sta den­tro uno smart­pho­ne, l'in­fi­ni­to mon­do del­la re­te e del­le ap­pli­ca­zio­ni: gio­chi, vi­deo, fo­to, mes­sag­gi di a­mi­ci e pa­ren­ti, in­for­ma­zio­ni di ser­vi­zio, pet­te­go­lez­zi, cu­rio­sità, pre­vi­sio­ni del tem­po e no­ti­zie.


Og­gi su In­ter­net a un so­lo click di di­stan­za da un no­stro ar­ti­co­lo c'è il mon­do in­te­ro, una ri­vo­lu­zio­ne ri­spet­to ai tem­pi in cui tut­to av­ve­ni­va nel re­cin­to del quo­ti­dia­no di car­ta do­ve tut­to era con­te­nu­to.


In que­sto pa­no­ra­ma l'e­di­to­ria tra­di­zio­na­le, ha per­so e ca­pa­cità di con­qui­sta­re il cuo­re, la men­te e so­prat­tut­to gli oc­chi dei let­to­ri.


Bi­so­gna quin­di a­ve­re il co­rag­gio di cam­bia­re com­ple­ta­men­te ap­proc­cio così da es­se­re ca­pa­ci di rea­liz­za­re pro­get­ti che sfrut­ti­no al me­glio le po­ten­zia­lità del di­gi­ta­le, che ren­da­no il gior­na­li­smo più com­pe­ti­ti­vo, bel­lo e frui­bi­le e che cer­chi­no al tem­po stes­so di ren­de­re il gior­na­li­smo so­ste­ni­bi­le dal pun­to di vi­sta e­co­no­mi­co. 


Que­sto ap­proc­cio ci ha per­mes­so di da­re ri­spo­ste a­de­gua­te e com­pe­ti­ti­ve ai let­to­ri, an­che ai più gio­va­ni, e col­ma­re il gap che c'è tra e­di­to­ria tra­di­zio­na­le e re­te.


É un pro­dot­to nuo­vo, una so­lu­zio­ne in­no­va­ti­va per la pub­bli­cità, i vi­deo e le ap­pli­ca­zio­ni che in­te­ra­gi­sco­no, in un u­ni­co net­work, car­ta stam­pa­ta, web ma­ga­zi­ne, ap­pli­ca­zio­ni, vi­deo, TV, ca­na­li te­ma­ti­ci e geo­mar­ke­ting.


Un'op­por­tu­nità per tut­to il si­ste­ma per­ché ciò che è sta­to rea­liz­za­to è a di­spo­si­zio­ne di chiun­que vo­glia spe­ri­men­ta­re nuo­ve stra­de nel mon­do del­la co­mu­ni­ca­zio­ne e dell'in­for­ma­zio­ne

Vision 3.0

Per il video di lancio di Vision 3.0 è stato scelto il modello di fama internazionale Stephen James che - oltre a essere l'uomo immagine della copertina del primo numero - è stato anche il protagonista del teaser.

ABOUT VISION 3.0

Vi­sion 3.0 non è (so­lo) un ma­ga­zi­ne, non è (so­lo) una fi­ne­stra sul mon­do del­la mo­da, dell'ar­te, del li­fe­sty­le e del lu­xu­ry, è un ve­ro e pro­prio "si­mu­la­cro" del bel­lo.


Vision 3.0 è un magazine cartaceo presente nelle migliori edicole italiane e internazionali.

Golden Flamingo
Golden Flamingo - Talking Crew

GOLDEN FLAMINGO

TALKING CREW

FacebookTwitterLinkedin
Menu